LE PRIME PAROLE SULLA STAGIONE 2020 DEL MANAGER ESPINOZA

 A pochi giorni dall’inizio della preparazione atletica dei ragazzi del Presidente Manzotti abbiamo voluto raggiungere telefonicamente ad Acarigua, in Venezuela, il nostro Manager Humberto Espinoza, pronto al suo rientro nella città scaligera.

Manager Espinoza, prima di parlare del prossimo futuro, due riflessioni sul 2019 appena trascorso.

Il 2019 per me è stato un anno veramente interessante. Per me era la prima volta come manager in Italia, e questo mi ha permesso di capire alcuni meccanismi molto importanti per il futuro.
In questo anno c’è stata la conferma, dopo un 2018 che mi ha visto a Verona come coach, che questa squadra ha molto margine di miglioramento e questo mi ha reso molto felice.

Quali dei tuoi giocatori ti ha impressionato di più in questo 2019?

Tutti i ragazzi hanno dimostrato di avere del grande margine di crescita, e tutti sono migliorati.
Una menzione speciale va a Pietro Briggi che quest’anno si è ritirato dal baseball italiano: una persona che lavora tantissimo e che si guadagna ogni cosa.
Nella mia carriera ho avuto modo di giocare e di lavorare con moltissimi giocatori che ancora oggi sono in Major League, ma non ho mai visto una persona lavorare così duramente come lavora lui.

Se dovessi scegliere o ricordare un momento significativo del campionato, quale sarebbe?

Le partite che ricordo in particolare sono quella contro Settimo Torinese in casa nostra e quella contro Bollate, a Milano.
Nella prima, ricordo la reazione della squadra dopo che all’8 inning Settimo pareggiò con un HR di Silva. Al 9 inning riuscimmo nuovamente a ribaltare la situazione strappando un importante vittoria.
La seconda partita è quella di Bollate, forse la partita più importante per noi. Una partita che andava vinta e i ragazzi lo hanno fatto.
In queste partite ho visto una voglia incredibile che mai avevo visto prima e che conferma quanto questa squadra abbia margine di crescita!

Cosa del 2019 è necessario portare in questo 2020?

Dobbiamo portare la VOGLIA. La voglia di migliore è fondamentale per una squadra come la nostra!
In questo 2019 ho visto una squadra che aveva più voglia del 2018 e dobbiamo continuare a lavorare per riuscire a migliorare.

Uno sguardo alla stagione 2020 che ormai sta iniziando. Quali sono le tue aspettative?

Il 2020 per noi sarà un anno molto impegnativo, ma sono convinto che possiamo fare meglio di quello che abbiamo fatto nel 2019.
Un po’ più di “fame” in campo è quello di cui abbiamo bisogno, insieme al continuo lavoro sui fondamentali per riuscire ad esprimere un buon baseball!

IL Verona Baseball ha chiuso il 2019 con un record di 19-13, con una media avg. di squadra di .257 e una media era di 3.87.