INTERVISTA AD ELIA RAMPO

INTERVISTA AD ELIA RAMPO

Siamo qui con Elia Rampo esterno che milita nelle fila del Verona Baseballdal 2012, per sentire le sue impressioni ad un mese dall’inizio della stagione di baseball serie A (FIBS – Federazione Italiana Baseball Softball)

ELIA INTERVISTA slide

– John Cortese sarà anche quest’anno il manager dopo aver sfiorato l’anno scorso l’acceso ai Play off, come ti trovi con lui?
– C’è da dire che John dà un bel apporto alla squadra avendo giocato molto anni ai massimi livelli. La sua esperienza soprattutto nella fase difensiva si è visto subito e il suo pensiero positivo ci ha aiutato a non mollare mai durante la stagione.

– Da Roma è arrivato un nuovo esterno mancino che non passerà inosservato.. Stai già imparando a conoscerlo?
– Sicuramente Roberto Iezzi si è già integrato nella squadra e con l’inizio delle prime amichevoli (16 marzo vs Padova Baseball) potrà conquistarsi un posto tra gli slugger della squadra.

– A chi ti riferisci quando parli di slugger scaligeri?
– Sicuramente Alberto Castagna e Giovanni Bottaro avranno una marcia in più quest’anno dopo la sfortunata stagione 2015. Certamente capitan Diego Benetti e Pedro Zucchet sono sempre stati clienti difficili per i lanciatori avversari.

– Nell’opening game del 2 Aprile allo Stadio Gavagnin affronteremo subito il Pianoro Baseball squadra dove giocherà da quest’anno l’ex rosso blu Filippo De Boni. Chi difenderà il piatto di casa base al Gavagnin e con che attitudine affronterai il tuo ex compagno?
– Sarà presente Alberto Monti ormai con noi da un paio d’anni ma le voci di spogliatoio fanno pensare all’arrivo di uno nuovo ricevitore straniero. Essendo un ex compagno nonché caro amico la voglia di competizione sarà alta nei suoi confronti, proverò ad ogni buona occasione a metterlo in difficoltà sulle basi… Cercherò di rubarne il più possibile, anche se sarà molto dura! Qui lancio la sfida a Piper il quale dovrà stare sempre pronto e non concedermi neppure un centimetro di vantaggio!!

– In che ruolo ti piacerebbe giocare per poter dare il massimo apporto al team?
– Essendo sempre stato un utility player, non ho una posizione fissa, certamente il reparto degli interni è quello che mi diverte di più ma qui sta al manager decidere partita per partita il mio utilizzo in campo.

– Come si sta concludendo la preparazione invernale alle porte della primavera?
– Ad aggiungersi alla voglia di entrare finalmente in campo ci ha aiutato molto l’arrivo di Rino (nuovo preparatore atletico) il quale ha dato una sferzata di energia portandoci ad una condizione fisica ai massimi livelli. Acqua e vento quest’inverno non ci hanno fermato e questo ci porterà ad essere competitivi fin dal primo inning.

www.baseballteamverona.it

(S.B.)